La comunità che prega con la Bibbia e il giornale

“il manifesto”
5 ottobre 2013

Luca Kocci

Era il 2 settembre 1973 quando le donne, gli uomini e i giovani della comunità della basilica di San Paolo fuori le mura riuniti attorno all’ex abate Giovanni Franzoni uscirono fuori dal tempio e celebrarono la loro prima messa in un salone della via Ostiense, a poche centinaia di metri dalla basilica dove erano soliti incontrarsi, discutere e pregare.

Nacque così la Comunità cristiana di base di San Paolo – che oggi festeggia i suoi 40 anni –, una delle esperienze più significative della stagione del post-Concilio, del “dissenso cattolico” e di quella Chiesa di base lontana dal Vaticano ma vicina al Vangelo che, come un fiume carsico, continua a scorrere nelle profondità nel corpo della Chiesa.

Non è la più anziana delle Comunità di base italiane. Prima di lei, alla fine del 1968, a Firenze era nata la quella dell’Isolotto, attorno a don Enzo Mazzi, in seguito all’episodio che diede il via al ‘68 cattolico: l’occupazione del duomo di Parma da parte di un gruppo di giovani cattolici che denunciavano i finanziamenti delle banche alla Curia per la costruzione di una nuova cattedrale.

Dopo il ‘68 il dissenso cresce sia in Italia che all’estero – in America latina sboccia la teologia della liberazione –, messo in moto dalle istanze di rinnovamento del Concilio Vaticano II, ed arriva fino a Roma, il “cuore dell’impero” ecclesiastico: don Roberto Sardelli lascia la sua parrocchia al Tuscolano e i privilegi che essa gli garantiva per andare a vivere fra i senza casa dell’Acquedotto Felice – uno dei tanti “borghetti” dove migliaia di persone avevano costruito delle abitazioni di fortuna e vivevano ai margini della città – dando vita ad una scuola popolare (la Scuola 725) sul modello di quella di Barbiana; i salesiani allontanano – e poi espellono dalla congregazione – due professori dalla loro università, don Giulio Girardi, fra i maggiori protagonisti del dialogo fra cattolici e marxisti e dei Cristiani per il socialismo, e don Gerard Lutte, che aveva scelto di andare ad abitare con i baraccati di Pratorotondo, alla periferia nord est di Roma, e di sostenerli nelle loro lotte fino all’assegnazione delle case popolari alla Magliana; nasce una moltitudine di gruppi di base riuniti nell’Assemblea ecclesiale romana che si mobilita contro il Concordato e per una «Chiesa povera e dei poveri».

Nella basilica di San Paolo fuori le mura, retta dai benedettini cassinesi, dal 1964 c’è un giovane abate, Giovanni Franzoni, che aveva partecipato alle fasi finali del Concilio e iniziava a farsi interrogare dalle contraddizioni della città e di un quartiere popolato e popolare come San Paolo, animato anche dalla convinzione che la vita monastica non significava isolamento dal mondo ma impegno nella storia. Prende forma così una comunità “orizzontale” di laici, donne e uomini, che cominciano a riflettere sul che fare per vivere un Vangelo ancorato alla società e alla città e si immergono nelle vicende sociali e politiche: l’opposizione alla parata militare del 2 giugno e ai cappellani militari, le manifestazioni contro la guerra in Vietnam, il sostegno all’obiezione di coscienza al servizio militare, le lotte degli operai licenziati della Crespi (una fabbrica di infissi non lontana dalla basilica), l’attenzione agli emarginati e agli esclusi, in particolare i reclusi nell’ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà. A San Paolo si realizza anche quella piena partecipazione dei laici alla vita della Chiesa proclamata dal Concilio e mai compiuta: l’omelia della messa domenicale, celebrata in basilica dall’abate Franzoni, viene preparata il sabato sera in un confronto collettivo e paritario con i laici.

Fascisti e cattolici tradizionalisti protestano – passando anche all’azione con irruzioni durante le assemblee e con scritte contro Franzoni sui muri dei palazzi del quartiere –, i gerarchi ecclesiastici mugugnano e guardano a vista la comunità, ma non trovano elementi per intervenire con delle sanzioni. Fino all’aprile del 1973. «Durante la messa, un giovane andò al microfono per pronunciare la sua preghiera, che veniva proclamata spontaneamente da chiunque – ricorda Franzoni –. In quei giorni sui giornali si parlava di un’operazione speculativa sul dollaro compiuta dallo Ior che era stata criticata addirittura dagli organismi finanziari internazionali. E quel giovane, nella preghiera, chiese che i suoi figli potessero crescere in una Chiesa che non si dovesse vergognare perlomeno di fronte ai santuari del capitalismo. Due giorni dopo venni convocato da mons. Mayer, segretario della Congregazione vaticana dei religiosi, il quale mi chiese di censurare le preghiere. Ne parlammo in comunità. Alcuni mi suggerivano di accettare, aggiungendo però che in tal caso l’esperienza della comunità sarebbe finita perché avrebbe perso l’autonomia. Tornai dal monsignore, gli dissi che non avrei obbedito e contestualmente fissammo la data delle mie dimissioni da abate di San Paolo: il 12 luglio 1973. Credo che tirò un grande sospiro di sollievo».

Prima di lasciare la basilica, Franzoni fa in tempo a pubblicare La terra è di Dio, una lettera pastorale – quindi a pieno titolo un documento del magistero perché San Paolo era sede vescovile – che conteneva un severo atto d’accusa contro la speculazione fondiaria ed edilizia portata avanti con il silenzio e la complicità dell’istituzione ecclesiastica e contro gli stretti legami fra Chiesa e poteri economico, all’ombra della Democrazia cristiana. Il 26 agosto Franzoni celebra la sua ultima messa in basilica, davanti a 3mila persone. E il 2 settembre c’è la prima eucaristia nel salone di via Ostiense: partecipano in più di 800. È nata la Comunità cristiana di base di San Paolo.

Desacralizzare e riappropriarsi del Vangelo per incarnarlo nella storia, in piena autonomia e libertà di coscienza, sarà la linea della Comunità, che in questi 40 anni camminerà “tenendo in mano la Bibbia e il giornale”. Nel referendum del 1974 si schiera a favore del divorzio e in questa circostanza Franzoni viene sospeso a divinis, gli viene cioè proibito di amministrare i sacramenti, che in Comunità continueranno ad essere celebrati comunitariamente, con o senza prete. Nel 1976, dopo la sua dichiarazione di voto per il Pci pubblicata sul settimanale Com Nuovi Tempi, viene dimesso dallo stato clericale. Poi il referendum sull’aborto e il coinvolgimento in tutte le lotte sociali degli anni ’80 e ’90. In tempi più recenti l’opposizione alle guerre in Iraq e Afghanistan, la partecipazione al World Gay Pride del 2000, nell’anno del Giubileo; nel 2005 il referendum sulla legge 40, contro l’ordine di astensionismo arrivato dal card. Ruini; poi il sostegno alle battaglie di Beppino Englaro e Piergiorgio Welby, commemorato a San Paolo mentre Ruini gli aveva negato il funerale religioso; oggi le attività con i profughi afghani accampati alla stazione Ostiense, nell’indifferenza delle istituzioni capitoline; le storiche battaglie contro il Concordato e i cappellani militari, ma anche i percorsi di fede con il gruppo biblico e il gruppo donne che, seguendo il filone della ricerca teologica e biblica femminista, approfondisce le tematiche riguardanti la condizione della donna nella Chiesa e nella società. Non un’altra Chiesa ma una Chiesa altra.

********************************************************

I quaranta anni di vita della Comunità cristiana di base di San Paolo verranno festeggiati oggi e domani nello storico salone della comunità, a Roma, in via Ostiense 152/b. Alle 17 proiezione di vecchi filmati dell’archivio della Rai sull’abate Franzoni, sulla comunità e sui movimenti degli anni ’60-‘70. A seguire un incontro-dibattito su quarant’anni di Comunità cristiane di base a Roma e in Italia, con la sociologa Maria Immacolata Macioti, la giornalista Vittoria Prisciandaro (Jesus) e gli interventi «degli amici e delle amiche che ci hanno conosciuto in questi anni e con i quali abbiamo condiviso tratti del nostro cammino», spiegano gli organizzatori. «Ci domanderemo, senza toni celebrativi, se questo movimento, una volta ben presente nelle cronache nazionali e oggi un po’ ridotto e sopito come un fiume carsico, abbia lasciato qualche traccia nella realtà ecclesiale e sociale del Paese». Poi cena insieme e serata di musica, danza e poesia. Domenica, alle 11.30, la messa concelebrata da tutti e tutte, come avviene dal 2 settembre 1973. A seguire, nella tradizione della Comunità di San Paolo, pranzo insieme, condividendo quello che ciascuno avrà portato.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: