Sinodo dei vescovi 2018: due Questionari per interpellare Chiesa e giovani

“Adista”
n. 4, 28 gennaio 2017

Luca Kocci

«Parte integrante» del Documento preparatorio al Sinodo dei vescovi del 2018 su «giovani, fede e discernimento vocazionale» (v. notizia precedente) e non «semplice appendice» – ha precisato il segretario generale del Sinodo, card. Lorenzo Baldisseri – è un Questionario di venti domande indirizzato agli organismi ecclesiali.

Come il Documento, anche il Questionario appare piuttosto generico. Nella sezione dedicata alla lettura della situazione, per esempio, compaiono domande come: «In che modo ascoltate la realtà dei giovani?», «Quali sono le sfide principali e quali le opportunità più significative per i giovani del vostro Paese/dei vostri Paesi oggi?», «Che cosa chiedono concretamente i giovani del vostro Paese/i alla Chiesa oggi?». Oppure quesiti più specifici sulla «pastorale giovanile vocazionale» o sull’accompagnamento spirituale messo in campo dalle diocesi. A questo primo Questionario ne seguirà un altro, rivolto direttamente ai giovani, per consultarli «sulle loro aspettative e la loro vita» – spiega mons. Fabio Fabene, sottosegretario del Sinodo dei vescovi – che verrà diffuso su un sito internet appositamente predisposto dalla Segreteria generale del Sinodo. «Sembra importante coinvolgere i giovani nella fase preparatoria dell’Assemblea sinodale – aggiunge Fabene – perché il prossimo Sinodo non vuole solo interrogarsi su come accompagnare i giovani nel discernimento della loro scelta di vita alla luce del Vangelo, ma vuole anche mettersi in ascolto dei desideri, dei progetti, dei sogni che hanno i giovani per la loro vita, come anche delle difficoltà che incontrano per realizzare il loro progetto a servizio della società, nella quale chiedono di essere protagonisti attivi».

Sulla base delle risposte ad entrambi i Questionari, come già fatto in occasione del Sinodo sulla famiglia (quando però c’era un unico Questionario rivolto a «tutto il popolo di Dio» senza distinzioni), verrà redatto l’Instrumentum laboris, la traccia di lavoro per l’assemblea dei vescovi dell’ottobre 2018.

«Un mondo migliore si costruisce anche grazie a voi, alla vostra voglia di cambiamento e alla vostra generosità», scrive papa Francesco nella lettera indirizzata direttamente ai giovani in occasione della presentazione del Documento preparatorio. «Non abbiate paura di ascoltare lo Spirito che vi suggerisce scelte audaci, non indugiate quando la coscienza vi chiede di rischiare per seguire il Maestro. Pure la Chiesa desidera mettersi in ascolto della vostra voce, della vostra sensibilità, della vostra fede; perfino dei vostri dubbi e delle vostre critiche. Fate sentire il vostro grido, lasciatelo risuonare nelle comunità e fatelo giungere ai pastori».

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: